Zucca

Project Description

Zucca

Zù-kka | Cucurbita maxima | Famiglia Cucurbitaceae

DI STAGIONE: DA SETTEMBRE A FEBBRAIO

Storia e curiosità

Originaria dell’America centrale, la zucca è molto presente nella cucina e nella tradizione anglosassone (una sola parola: Halloween!) ma anche nella nostra penisola. Secondo la tradizione, Cristoforo Colombo portò con sé i semi di zucca (come di tanti altri ortaggi) al ritorno dal continente americano ma in principio questi furono usati in Europa solo per nutrire i maiali!

Aspetti nutrizionali

La zucca è povera in calorie, grassi e sodio mentre contiene una buona quantità di fibre, vitamina A e B. In aggiunta, si rivela una buona miniera di alcuni sali minerali (ferro, potassio), così come i suoi semi.

  • Vitamina A (426 microg per 100 g)

  • Fibre (5 g per 100 g)

Proprietà diuretiche
Per la regolazione intestinale
Per la dieta

Varietà

A turbante, grigia, gigante, lunga, marina, piena. Di Napoli, Bologna, Chioggia e Albenga. Diversi sono i riferimenti alle tante varietà ormai diffuse nel nostro paese. Con dimensioni, colore e consistenza che possono variare, si può davvero dire che c’è una zucca per ogni gusto e ogni uso (anche solo ornamentale oppure come capiente recipiente di liquidi come lo yerba mate).

In cucina

Se tenuta in un ambiente scuro, fresco e asciutto, la zucca può conservarsi anche per tutto l’inverno. Una volta aperta, tende invece a disidratarsi e potrai tenerla in frigo solo alcuni giorni. Una buona alternativa è congelarla, in particolare se prima appena bollita.

Tante sono le ricette in cui la zucca accompagna bene primi piatti (risotto) e secondi. Vuoi usarla in modo creativo e diverso? Prova con la torta (dolce) di zucca della tradizione americana.

In orto

Con una semina che inizia a ridosso dell’estate, in genere tra maggio e giugno, potrai raccogliere la zucca a partire da settembre e fino ai primi mesi invernali. Ricorda che l’alternativa di un ciclo di coltura con semina autunnale – pur possibile in climi più caldi – si espone in genere al rischio di gelate.

Per comprendere quando è giunto il momento del raccolto ti basterà colpire la zucca con le nocche: un suono vuoto all’interno sarà la risposta da cercare per portarla in tavola.

La zucca ha una particolare esigenza termica e cresce al meglio in una fascia di temperatura tra i 20 e 30°. Ricorda che, rispetto al terreno, una buona fertilità e irrigazione si rivelano elementi imprescindibili per una buona crescita.