Lenticchia

Project Description

Lenticchia

DI STAGIONE: TUTTO L’ANNO

Len-tì-kki-a |  Lens culinaris | Famiglia Leguminose

Storia e curiosità

Originaria del Medio Oriente, la lenticchia si diffuse presto nel Mediterraneo tra antichi Romani e Greci che la usarono come base di piatti poveri, per il suo ridotto costo e alto valore nutritivo.

Ai nostri giorni, questo legume è diventato invece simbolo di ricchezza. Secondo la tradizione, accompagna infatti il cotechino nella cena di Capodanno: farne il pieno vuol dire prepararsi ad un anno con qualche soldino in più (e dei buoni propositi anche a tavola).

Aspetti nutrizionali

Le lenticchie sono molto ricche in proteine come altri cugini legumi. In aggiunta, un significativo contenuto di sali minerali (ferro e magnesio) e di fibre ne completa il buon profilo nutritivo.

  • Proteine (9 mg per 100 g)

  • Calorie (116 g per 100 g)

Per la regolazione intestinale
Proprietà antiossidanti

Varietà

Semi grandi o più piccoli (fino a pochi millimetri), di colore rosso, arancione o più scuro. Infinita è la varietà di lenticchie coltivate anche nel nostro paese, con la tipologia di Pantelleria che si caratterizza per le sue piccol(issim)e dimensioni ed il suo particolare gusto.

In cucina

In cucina vale la regola tradizionale che il gusto sia inversamente proporzionale alla dimensione: più piccola è la lenticchia, maggiore è il suo sapore. Oltre ad accompagnare bene zuppe e primi piatti, la lenticchia ha una riserva di sapore da gustare anche da sola. Un consiglio? Prova a preparare la crema di lenticchie!

In orto

Nelle aree a clima temperato mediterraneo la semina avviene in autunno (tra ottobre e novembre). Nelle aree più fredde, invece, bisogna attendere la fine dell’inverno, per evitare il rischio di gelate, seminando quindi tra marzo e aprile.

Particolarmente dannoso è il ristagno di acqua per cui il suolo va ben preparato così da essere drenante (ad esempio con terreno misto con sabbia o ghiaia).

COSA C’É DI BUONO QUESTO MESE?

Commenti

commenti