Cetriolo

Project Description

Cetriolo

če-tri-ò-lo | Cucumis sativus | Famiglia Cucurbitacee

DI STAGIONE: DA GIUGNO A SETTEMBRE

Storia e curiosità

Dove ha origine il cetriolo? La risposta è l’Himalaya! C’è da sorprendersi dunque per quanta strada abbia fatto questo ortaggio per diffondersi prima in India e poi in Egitto, dalle cui coste è partito infine alla conquista dell’Europa.

Oggi nel nostro continente il cetriolo è utilizzato anche nella cosmesi, con il suo succo che arricchisce prodotti per la pelle con benefiche doti idratanti.

Aspetti nutrizionali

Il cetriolo è molto presente nelle diete dimagranti per il suo riconosciuto basso contenuto calorico (composto gran parte di acqua). Pur non particolarmente ricco di nutrienti, si presenta tuttavia come un buon serbatoio di potassio e delle vitamine A, C e K.

  • Acqua (95 g per 100 g)

  • Grassi (0 g per 100 g)

Proprietà diuretiche
Per la dieta
Proprietà antiossidanti

Varietà

Due sono le principali tipologie di cetriolo:

  1. a frutto grosso, che conta le varietà Ashley (lungo), Corta/Palla di neve (colore bianco), lungo cinese (sottile, con pochi semi e sapore dolce), Marketer (colore scuro),
  2. a frutto piccolo, utilizzato principalmente per i sottoaceti, che include le varietà “bianca” e “verde di Parigi”.

In cucina

Consumato in genere fresco e affettato crudo in insalate miste, puoi anche conservarlo sotto aceto (il celebre pickle di anglosassone memoria).

In orto

Per la semina, la primavera è la stagione ottimale. Bisogna poi attendere circa due mesi e procedere alla raccolta a scalare durante l’estate (per la raccolta del cetriolo da sottoaceto si attende qualche settimana in più).

Per il cetriolo valgono le particolari esigenze di terreno comuni per le cugine cucurbitacee (meloni, zucche), che preferiscono un suolo ben concimato e possibilmente sempre umido. Per la coltivazione in balcone puoi scegliere le varietà più piccole (ma anche la Ashley può andare bene se protetta dal vento).