Carota

Disponibile in tutti i mesi dell’anno

GEN FEBMARAPRMAGGIU LUGAGOSETOTTNOVDIC

[ka-rò-ta]

Daucus carota

(famiglia Umbelliferae)

Rafforzamento immunitario

Proprietà antiossidanti

Per l’integrità di pelle e tessuti

carota-900x500

Storia e curiosità

Karotón è il nome greco che già in antichità richiamava la sorpresa di una radice così carnosa e dal colore dello zafferano (croco) di cui in superficie comparivano invece solo pochi ciuffetti.

La sorpresa dei nostri giorni è invece scoprire che la carota – pasto per eccellenza per i conigli dei cartoni animati in tv – è cibo proibito per quelli in carne ed ossa. Sembra infatti che i conigli reali non possano mangiarne molte per il contenuto relativamente alto di zuccheri, tanto da sconsigliarne l’uso in caso di diete. Le carote fanno ingrassare (i conigli)!

Aspetti nutrizionali

La carota è un buon serbatoio di beta carotene (che il metabolismo trasforma in Vitamina A) con benefici per la protezione del sistema immunitario, oltre che per una buona vista e l’integrità di pelle, tessuti e ossa. Ricorda che, a differenza di altri nutrienti, i caroteni sono resistenti alla cottura (purchè non eccessivamente lunga), mentre si perdono in caso di frittura.

In aggiunta la carota contiene buone quantità di altre vitamine (gruppi B, D, E e PP) e di diversi minerali oltre che di un importante antiossidante, il glutatione. Infine la carota può svolgere anche funzioni simili ad alcuni ormoni femminili tanto da essere consigliato per la stimolazione del latte materno.

1148

Vitamina A (microg) per 100 g

carota-2
44

Calcio (mg) per 100g

Varietà

Numerose sono le varietà di carote, differenziate per le caratteristiche delle radici in forma (corte, mezzane o lunghe), colore (dal bianco fino all’arancio e al rosso) e infine maturazione (precoci, medie o tardive). Tra le varietà più diffuse in Italia troviamo:
– la Flakkee, precoce e di colore arancio intenso,
– la comune di Napoli (lunga), anche nella versione rossa lunga,
– la Grelot, corta e più precoce.

In cucina

Oltre ad arricchire (in sapore e colore) le tue insalate, le carote possono unirsi bene come contorno a piatti di carne oppure naturalmente nella preparazione del ragù. Le carote sono degli ortaggi resistenti e non temono una lunga conservazione: in frigo possono durare fino a due settimane (solo una settimana se cotte).

Ricorda: della carota può utilizzare in cucina anche i fiori, saporito condimento in caso di frittelle!

In orto

La carota è tra gli ortaggi più comuni nell’orto tanto da crescere spontaneamente in climi temperati e con sufficiente umidità. Pur nascondendo il suo caratteristico colore arancione sotto il terreno, si riconosce in superficie per i ciuffetti di fiori sparsi di colore bianco o roseo.

Con la semina che inizia in genere in primavera e dura fino all’estate, la raccolta avviene a scalare dopo circa due mesi, senza tuttavia aspettare troppo perché la radice diventa altrimenti dura. La carota non sopporta bene il freddo ma, se ben protetta dal rischio di gelate, si può anche procedere ad una semina tardiva, con la raccolta nei mesi invernali. In effetti la carota può essere coltivata tutto l’anno in Italia con alcuni semplici accorgimenti e facendo affidamento sulle varietà climatiche da Nord a Sud.

La semina avviene nel campo piuttosto in profondità (a non meno di 30 centimetri) e in righe distanti tra di loro circa 20 centimetri. Per la coltivazione in balcone è bene seminare varietà più piccole e a radici corta, in genere quelle precoci possono andare bene. Un terreno troppo duro ne renderebbe difficile la crescita (ad esempio un suolo sassoso può portare a vere e proprie biforcazioni).

Curarsi con la carota è possibile?

Curarsi con la carota è possibile?

La carota può essere  ad esempio un prezioso sollievo in caso di bronchite

 

Per saperne di più

Sapevi che la carota fu 'esportata' da Colombo in America?

Sapevi che la carota fu 'esportata' da Colombo in America?

E sai quali verdure abbiamo importato dal Nuovo Continente?

 

Per saperne di più

Buono a sapersi