Bietola o bieta

Disponibile in tutti i mesi dell’anno

GEN FEBMARAPRMAGGIU LUGAGOSETOTTNOVDIC

[Biè-to-la o Biè-ta]

Beta vulgaris

(famiglia Chenopodacee)

A sostegno della digestione

Contro l’osteoporosi

Rafforzamento immunitario

bietola-900x500

Storia e curiosità

La bietola è una pianta nativa europea, ben diffusa alle diverse latitudini del nostro continente e particolarmente presente (anche come pianta spontanea) nei paesi che si affacciano sul Mediterraneo.

Aspetti nutrizionali

La bietola da coste è ricca di vitamina A, C e K nonché di acido folico (che aiuta a metabolizzare il ferro). L’alto contenuto di sali minerali (in particolare di calcio, magnesio e potassio) offre un buon mix per combattere l’osteoporosi mentre la ricchezza di fibre migliora l’attività digestiva.

86

Magnesio (mg) per 100 g

bietola-2
18

Vitamina C (mg) per 100g

Varietà

La bietola è una varietà di barbabietola da orto (diversa da quella utilizzata per la produzione dello zucchero) e in genere può essere suddivisa secondo la forma delle foglie:
– la bietola da coste, con un cespo di foglie verde scuro e con le coste (le parti bianche) molto lunghe e spesse,
– la bietola da foglie, con delle coste più piccole rispetto a cui prevalgono delle foglie di colore verde accesso.

In cucina

Buona da preparare lessa o cotta al vapore, la bietola da coste accompagna bene gli ingredienti di minestre e minestroni, oltre che di frittate e sformati. Per una cottura ottimale, puoi separare le coste dalle foglie, adeguando così la cottura ai diversi tempi (5 minuti per le foglie, 15-20 per le coste).

Non vale lo stesso per la bietola da foglie che invece può essere preparate in maniera simile agli spinaci (per la maggiore tenerezza), ad esempio lessata e appena condita.

    In orto

    La bietola si semina in genere a febbraio (con raccolta in estate) oppure a settembre (per un raccolto primaverile). Pur adattandosi bene sia a freddi rigidi che a temperature mediamente alte, per la semina in campo aperto ti è utile aspettare le temperature un po’ più alte di marzo e dei mesi fino all’estate.

    Le diverse varietà e le differenze climatiche delle regioni italiane rendono possibile trovare bietole di stagione in ogni mese dell’anno.
    Per gli orti urbani, la grande estensione delle radici rappresenta spesso un limite cui puoi ovviare piantando una sola pianta per ciascun tavolo da coltivazione. In alternativa, puoi procedere ad una semina a distanze più ravvicinate così da avere piante da foglie più piccole e tenere, adattabili anche in spazi limitati come il balcone di casa.

    Al raccolto, ricorda di tagliare solo le foglie esterne e più grandi (lasciando al loro posto le foglie più interne); in questo modo potrai continuare a raccogliere anche per alcune settimane. Rispetto al suolo, la bietola predilige terreni medi, profondi, freschi e senza ristagni d’acqua (ben irrigati).

    Buono a sapersi