Menopausa – I rimedi naturali

devushka-shatenka-tarelka-vilka-677

02 apr Menopausa – I rimedi naturali

Carota, spinaci, barbabietola e lattuga. Ecco quattro verdure disponibili spesso tutto l’anno che possono rivelarsi delle preziose alleate naturali per affrontare al meglio il periodo della menopausa. Vediamo come.

 

La carota

carota-2Un problema comune legato alla menopausa è la carenza di calcio, cui è associata in genere una maggiore fragilità ossea, oltre a problemi di debolezza della struttura dei denti. Un buon succo di carota preparato con un estrattore di succo (e dolce naturalmente, dunque senza bisogno di zucchero) può offrire la giusta dose quotidiana di questo importante nutriente.

In aggiunta, la carota porta in dote anche un buon mix di altri sali minerali (potassio, sodio, ferro, magnesio, manganese, zolfo e fosforo) e di vitamine (gruppi A, B, C, E, K), essenziali per tenere in equilibrio le principali funzioni dell’organismo.

Infine la carota aiuta a tenere sotto controllo il peso corporeo grazie al suo alto senso di sazietà e  – se consumata cruda – favorisce anche la depurazione del corpo dalle tossine accumulate.

(qui la scheda completa sulla carota)

 

Gli spinaci

spinaci-verdure-di-stagioneGli spinaci sono conosciuti per l’importante apporto di acido ossalico che si rivela un utile nutriente per nervi, muscoli e intestino. C’è però da fare attenzione a questo elemento che – se gli spinaci vengono cotti – si trasforma in un acido inorganico che tende a formare cristalli nei reni e dunque problemi di calcoli renali. È per questo motivo che in genere viene consigliato di limitare la cottura degli spinaci, preferendoli crudi in insalata oppure come succo centrifugato.

Ricchi in sodio, potassio e magnesio oltre che in vitamina A e C, gli spinaci crudi possono anche aiutare contro la stipsi, favorendo la soluzione del problema in maniera naturale ed evitando così al ricorso ai purganti che spesso possono rivelarsi irritanti per il corpo.

(qui la scheda completa sugli spinaci)

 

La barbabietola

9231313120_11fa66d29d_zLa barbabietola ha un buon contenuto di sodio e di calcio mentre la sua ricchezza di potassio aiuta il fegato, i reni e la colecisti. Il contenuto di ferro non è particolarmente alto ma è sufficiente a rendere un succo di barbabietola – soprattutto se integrato e addolcito con un succo di carota – particolarmente utile per la ricostruzione dei globuli rossi.

Il suo mix di sali minerali e vitamine aiuta il corpo durante il ciclo mestruale per una  sua buona regolazione anche in menopausa grazie in particolare al contributo di calcio e sodio. Quest’ultimo infatti è utile a mantenere la giusta solubilità del calcio così che non si accumuli nel corpo depositandosi nei vasi sanguigni e provocandone l’indurimento come nelle vene varicose. Al contrario, il calcio così equilibrato grazie al sodio va a rafforzare la struttura di ossa e denti.

Infine anche le cime di barbabietola possono essere aggiunte alle insalate o centrifugate e portare in dote un buon contenuto di manganese e ferro, importanti per il fegato e la formazione di globuli rossi.

 

La lattuga

lattuga-2La lattuga ha un buon contenuto di sali minerali (potassio, sodio, calcio e ferro oltre al cloro e al fluoro) e anche le vitamine sono quasi tutte presenti. Questo fa sì che la lattuga sia un elemento utilissimo per i nervi e i muscoli.

Le foglie più verdi della lattuga sono quelle con più clorofilla  e sono quelle che si trovano più all’esterno.

Oltre al comune consumo in insalate, viene spesso consigliato di provare anche un succo centrifugato di lattuga, carota, barbabietola, spinaci. Questo mix di è particolarmente adatto nel periodo della menopausa perché fornisce il nutrimento necessario per le radici dei capelli, per i nervi e per la pelle

In aggiunta, il succo di lattuga unito al succo di carota è un aiuto per la digestione e per le ulcere gastriche.

(qui la scheda completa sulla lattuga)

Tags: