Ceci croccanti

20150123_132451

23 gen Ceci croccanti

Di stagione a: Ottobre, Novembre, Dicembre, Gennaio, Febbraio, Marzo, Aprile, Maggio, Giugno, Luglio, Agosto,  Settembre
Tempo di preparazione: 45 minuti

Ingredienti (per 2 persone)

cece-2Ceci (1 barattolo)
 Olio (1 cucchiaio)
– Sale e pepe (q.b.)
– Paprika, cumino, peperoncino macinato (a piacere)

Premessa

Fosse per me mangerei sempre: non c’è un momento delle mie ore di veglia in cui non provi fame, lavorando quasi tutto il giorno davanti al computer la fame nervosa la fa da padrone. Lo yoga non è servito così come non ha funzionato neppure la psicanalisi. Ho così fame che il mio animale guida deve essere senza dubbio Taz il diavoletto della Tasmania: c’est la vie. La cosa migliore che io possa fare al riguardo è decidere con cosa placare questo istinto famelico: carote, finocchi e gambi di sedano arrivano fino a un certo punto, dopo arriva la voglia di qualcosa di un po’ più saporito e il pensiero vola alle patatine fritte.

Quello che vi sto per proporre non può sostituire la goduria delle french fries ma, come si dice a Roma, “ci mette ‘na pezza”. Questi ceci croccanti sono buonissimi e sostituiranno le noccioline e i pop corn facendovi sentire addirittura quasi virtuosi. Sia chiaro, non è uno snack leggero: i ceci sono portatori sani di proteine e carboidrati ma rispetto a suddette schifezze richiedono solo un cucchiaio di olio extra vergine di oliva ed essendo speziati appagano di più i languorini molesti. 

Dopo soia e fagioli,  i ceci sono i legumi più coltivati al mondo. Sono presenti in innumerevoli ricette asiatiche (curry indiani e dolci bengalesi), medio-orientali (pensate alle tajine, ai falafel e all’hummus) ed europee (sfarinata ligure e panelle siciliane) e da noi si trovano secchi, in scatola o già macinati. Io cerco di acquistare sempre quelli a marchio Libera, non so perché ma mi sembrano sempre un po’ più buoni delle altre marche.

Preparazione

20150123_122327Preriscaldate il forno a 220°C.

Sciacquate abbondantemente i vostri ceci in scatola (già cotti quindi): cercate di eliminare il più possibile il liquido gelatinoso e non preoccupatevi alla vista della schiuma, è prodotta dalla fermentazione naturale del rivestimento esterno dei ceci (la “buccia”). 

– Asciugateli accuratamente con della carta assorbente o con un canovaccio pulito. Cercate di rimuovere il più possibile le bucce: è facile e vi risparmierà sgraditi gonfiori di pancia, if you know what I mean…

– Versateli in una teglia rivestita di carta forno su cui avrete versato un cucchiaio di olio evo e fate in modo di ungerli il più possibile. Salate e pepate e infornate per almeno 30 minuti rigirandoli di tanto in tanto.

– Assaggiatene uno e se non lo sentite croccante procedete nella cottura per qualche altro minuto. Teneteli d’occhio per non bruciarli.

– Una volta croccanti toglieteli dal forno, metteteli in una ciotolina e spolverateli con spezie a piacere: io ho una passione per la paprika e il peperoncino.

(scopri qui tutte le ricette di Claudia)

3 canzoni (per quando sei ai fornelli)