Vellutata di porri e patate

  • Di stagione a SETTEMBRE – OTTOBRE – NOVEMBRE – DICEMBRE – GENNAIO – FEBBRAIO – MARZO – APRILE

  • Preparazione in 45 minuti

  • Ingredienti per 6 persone

Ingredienti

  • Porri (3)

  • Patate (2)

  • Aglio (2 spicchi)

  • Peperoncino (1)

  • Brodo (1,5 l)

  • Erba cipollina o paprika per guarnire
  • Panna o latte intero (250 ml): opzionale

Premessa

Come vi dicevo le zuppe sono una delle mie passioni: quando torno a casa la sera, un po’ stressata o semplicemente stanca dalla giornata di lavoro e corse, l’unica cosa che vorrei fare è togliermi le scarpe e stapparmi una birra gelata; la prospettiva di mettermi a cucinare piatti laboriosi, dunque, non sempre trova terreno fertile. La cosa bella delle zuppe è che sono semplici, richiedono una pentola, un coperchio e un po’ di verdure: amo molto il movimento meccanico che richiede il pulire e affettare le verdure, mi aiuta ad estraniarmi dall’ambiente circostante e la mente girovaga leggera lontano da pensieri e paturnie (la birra aiuta).

Siccome stranamente resisto ancora nel mio proposito di disintossicarmidai miei adorati cibi grassi e privi di validi nutrienti, l’altra sera ho preparato un tegame enorme di zuppa di porri e patate. Questi cipolloni – che io erroneamente associo alla Francia sebbene la loro origine storica, stando a Wikipedia, li vuole nativi del Medio-Oriente e nei secoli sono diventati il simbolo nazionale del Galles – sono perfetti per le zuppe: più dolci delle loro parenti cipolle, durante la cottura perdono quasi del tutto consistenza trasformandosi in puro sapore. Delle patate… che dire? La perfezione vegetale: chi non le ama? (Non le amate? Non siamo più amici).

Preparazione

– Sbucciate e tritate finemente la cipolla e mettetela a soffriggere in una pentola capiente con dell’olio di oliva. Rimuovete il primo rivestimento dei porri, tagliateli in quarti per il senso verticale, sminuzzateli finemente e aggiungeteli alle cipolle. Lasciate appassire mescolando con costanza, non devono dorarsi troppo. Aggiungete i due spicchi di aglio e il peperoncino tritati finemente (private il peperoncino dei semi se non siete patiti del piccante).

– Coprite con abbondante brodo (vegetale o di carne, a voi la scelta) e portate a bollore. Aggiungete le patate pelate e tagliate a cubetti. Cuocete per 30 minuti o finché le patate schiacciate delicatamente contro il bordo della pentola non si disfaranno. Assaggiate e regolate di sale e pepe.

– A questo punto potete servire la zuppa così com’è, in tutta la sua gloriosa semplicità, oppure aggiungere la panna o il latte e frullare con un blender a immersione fino ad ottenere una consistenza vellutata. Indovinate un po’ cosa avete ottenuto? Esatto: la vellutata di porri e patate. Il tocco finale è l’aggiunta di una manciata di erba cipollina tritata o una spolverata di paprika. Buon appetito!

(scoprite qui tutte le ricette di Claudia)

Playlist

Commenti

commenti