Daikon – Proprietà e benefici

daikon-proprietà-benefici-1

20 giu Daikon – Proprietà e benefici

Questo articolo è stato scritto e viene gentilmente offerto per la pubblicazione da Ida, autrice e responsabile del portale Vitalibera.it, dove puoi trovare idee e consigli per migliorare la tua vita in campo fisico, mentale e spirituale.

Chi è appassionato di alimentazione sana sicuramente avrà sentito parlare del daikon, conosciuto anche con il nome di ravanello cinese o mooli.

Il termine daikon significa letteralmente grande radice”;  esso è infatti una radice commestibile molto simile alla carota ma di colore bianco e dimensioni di gran lunga maggiori che possono raggiungere anche i 25 cm di lunghezza e 10 cm di diametro.

Il daikon presenta una consistenza molto croccante e un  sapore deciso e pungente che ricorda molto quello del ravanello. Sebbene in Italia è ancora poco conosciuto, questo ortaggio in realtà  è un pilastro della cucina tradizionale giapponese e asiatica in generale e, grazie alle sue elevate proprietà terapeutiche, è impiegato in tutto l’Oriente come rimedio naturale per la cura di diversi tipi di disturbi e patologie.

Il daikon, come vedremo di seguito, non è solo un semplice ingrediente che conferisce un sapore particolare e inusuale  ai nostri piatti, ma può essere anche considerato come un ottimo alleato per la salvaguardia della nostra salute.

Cosa contiene

Il daikon è ricco di sostanze nutritive, in particolare spicca per il suo alto contenuto di vitamina C e vitamine del gruppo B; 100 grammi di daikon, difatti, forniscono circa il 34% della RDA (dose giornaliera consigliata) di vitamina C e solo 22 calorie. Questa radice, inoltre, è anche un’ottima fonte di sali minerali, potassio, calcio, ferro e fibre ed è praticamente privo di grassi e di colesterolo.

Le foglie, anch’esse commestibili, oltre che ad essere ricche di vitamine C e B, contengono anche dosi significative di calcio, ferro e beta-carotene.

Proprietà e benefici del daikon

daikon-proprietà-benefici-2Il daikon è un alimento molto diffuso nella medicina popolare asiatica dove viene utilizzato per prevenire e curare alcuni piccoli disturbi.

Questo ortaggio è noto soprattutto per le sue proprietà digestive e brucia-grassi, per questo viene di solito consumato come contorno nei pasti più “pesanti” e ricchi di grassi (come le fritture).  Gli enzimi contenuti aiutano a metabolizzare meglio i carboidrati complessi, i grassi e le proteine, rendendoli più facilmente digeribili ed assimilabili

Grazie alla vitamina C, che è presente in dosi di gran lunga più elevate rispetto ad altri tipi di ortaggi , questa radice è un potente antiossidante, che agisce contro la formazione dei radicali liberi e contribuisce a rinforzare il sistema immunitario, aiutando così anche a prevenire malattie come il comune raffreddore.

Il daikon ha anche proprietà antinfiammatorie, per cui è particolarmente consigliato a chi soffre di artrite; il succo di daikon crudo, inoltre, presenta effetti benefici anche su tutto il sistema respiratorio, in quanto aiuta a sciogliere il muco ed il catarro, combattendo in maniera efficace le malattie respiratorie quali asma, influenza e bronchite.

Questo particolare ortaggio è anche utile per la salute delle ossa, infatti grazie al calcio contenuto nelle foglie, il daikon aiuta a promuovere la crescita sana delle ossa e ridurre il rischio di osteoporosi.

Infine, il daikon è anche un diuretico naturale che agisce positivamente sulla funzione renale, per questo è impiegato anche come coadiuvante nel trattamento dei disturbi urinari.

Come consumarlo

daikon-proprietà-benefici-ricettaPer ottenere il massimo dei benefici, il daikon va consumato crudo in quanto la cottura “distrugge” gran parte della vitamina C contenuta nella radice.

Crudo può essere grattugiato, tritato o tagliato a fettine sottili e aggiunto alle insalate, di solito è abbinato alle carote e ai cetrioli, ma può essere anche consumato da solo come contorno, condito con un filo d’olio o come ingrediente di frullati a base di frutta e verdura.

Se si grattugia, è importante non far passare troppo tempo prima di consumarlo in quanto dopo circa mezz’ora dalla frantumazione almeno il 50% degli enzimi viene perso.

Tagliato a listarelle o a cubetti, può essere anche conservato sotto aceto.

Dove si compra il daikon?

Reperire la radice di daikon fresco non è molto semplice; di solito lo si può trovare in alcuni supermercati ben forniti o nei negozi di alimentazione biologica. In alternativa si può acquistare secco (da reidratare) presso le erboristerie o anche on line.

Se si dispone di spazio sufficiente, il daikon può essere anche coltivato nel proprio orto; i semi sono facilmente acquistabili on line o nei negozi specializzati.

In questo post, foto di FooNar, studio tdessstrieu (Flickr)

Tags:
, ,