Bouillabaisse improvvisata

bouillabaisse-verdure-di-stagione

03 mar Bouillabaisse improvvisata

(tratta da “200 zuppe super” di Sara Lewis, ed. De Agostini)

 

Ingredienti (per 6 persone)

cipolla (1)
porro (1)
aglio (2 spicchi)
pomodori pelati (1 lattina)
– zafferano (2-3 bustine)
– pesce bianco: merluzzo, nasello, rana pescatrice, eglefino (500 g)
– brodo di pesce (600 ml)
– vino bianco secco (150 ml)
– frutti di mare: 400 g
– timo: in abbondanza (scherzo, 5-6 rametti bastano)
– olio: 2 cucchiai
– sale, pepe, e baguette come se non ci fosse un domani (o qualsiasi pane abbiate in casa, anche se raffermo – come nel mio caso – va bene!)
Tempo di preparazione e cottura: 45 minuti

 

Premessa (o antefatto)

Che succede quando improvvisamente si auto-invita per cena una manciata di amici famelici e pseudo-vegetariani? Io di solito esordisco maledendo il giorno in cui non sono diventata eremita su una montagna isolata, poi apro frigo-freezer-dispensa per farmi un’idea di quello che ho a disposizione. “Ma du’ spaghi no, eh?”. No, perché le cose facili non danno gusto e poi, voglio dire, quale migliore occasione per sperimentare ricette mai provate di una cena con amici da punire per la loro sfacciataggine? Ecco quindi che, radunando un po’ le idee, decido di optare per una zuppa di pesce leggermente speziata. Come dite? Non erano vegetariani? Sì, ma sono vegetariani farlocchi, del tipo che non ha mai visto “Alla ricerca di Nemo” perché si è fermata a “Il maialino Babe”. Se vedono dei tagliolini allo scoglio ci si fiondano senza rimorsi di coscienza. Insomma, questa Bouillabasse è il giusto strumento di tortura.

Originaria della Provenza, nasce nelle cambuse delle navi di Marsiglia e – in teoria – richiederebbe ore e ore per preparare il fumetto di pesce con le teste e le lische del pescato sfilettato che poi andrà a conferire corpo alla zuppa vera e propria. Visto che il presupposto è un banchetto improvvisato soprassediamo sulle gioie di andare al mercato ittico di prima mattina e passiamo al brodo di pesce in dado o in gelatine e ai filetti di nasello o merluzzo surgelati. Idem per i frutti di mare. Al profumo poi ci pensa lo zafferano e il timo. E le verdure di stagione? Porro e cipolle. Tirate fuori gli occhialini da piscina se non volete nuotare in un mare di lacrime

 

Preparazione

Cominciamo? Bene. Per prima cosa accendete la radio, o lo stereo, o mettetevi le cuffie nelle orecchie. Poi preparate il brodo, così non ci pensate più (acqua e dado/gelatina). In un padellone (io uso la wok) scaldate un po’ di olio e buttateci porri e cipolle tritate alla come-vi-pare, qui non siamo chic. Imbionditeli per 5 minuti abbondanti finché non saranno bene appassiti. Poi aggiungete l’aglio e fatelo cuocere per 1 minuto, seguito dalla lattina di pelati. Sobbollite per 5 minuti poi aggiungete lo zafferano sciolto in un mestolo di brodo, e a ruota aggiungete vino e il resto del brodo. Godetevi il borbottio della wok per 10 minuti e poi buttateci dentro i filetti di pesce surgelato così come i frutti di mare. È il turno di sale e pepe (se il vostro macinapepe non vi abbandona sul più bello). Se come me siete amanti del peperoncino questo è il momento perfetto per aggiungerne un po’ di quello macinato. Ci aggiungo anche mezzo cucchiaino di zucchero per togliere acidità ai pomodori ma questa è una mia aggiunta e dubito che la ricetta originale la preveda. Coprite con un coperchio e fate andare allegramente per 15 minuti o finché il pesce non sarà frantumabile e tutti i frutti di mare aperti.

Adesso avete due opzioni: o servite la zuppa sui crostini di pane con un filo di olio a crudo oppure…

… fate la Rouille, ma non ditelo a Francesco perché qui ci servono i peperoni. A mia discolpa potrei fingere di aver preso quelli in barattolo ma sarebbe una bugia. Avevo comprato ben due peperoni rossi e quindi li ho arrostiti sotto il grill. Ho tolto grossolanamente la pelle bruciacchiata (lasciatene qualche frammento per avere un bel sapore affumicato) e li ho frullati con 2 spicchi di aglio, un po’ tanto peperoncino (per punizione) 1 fetta di pane bianco a pezzi (saltate questo ingrediente se volete avere una crema liscia e leggera), 1 bustina di zafferano sciolto in un cucchiaino di acqua bollente, poco sale, 1 pizzico minuscolo di zucchero e olio di oliva in abbondanza (almeno 3 cucchiai). Frullate e poi servitela come accompagnamento alla baguette tostata.
BOUILLABAISSE MENTRELEGGIO PROFESSIONALECENAPORRO DECAPITATOPEPERONICIPOLLA

 

3 canzoni (per quando sei ai fornelli)

Bon appetit!!
(Evviva gli amici che si auto-invitano)