Vellutata (ma non troppo) di zucca con arancia, mandorle e zenzero

vellutata-zucca-zenzero-mandorle-verdure-di-stagione

09 feb Vellutata (ma non troppo) di zucca con arancia, mandorle e zenzero

Di stagione a: Ottobre, Novembre, Dicembre, Gennaio e Febbraio
Tempo di cottura: 35 minuti

 

Ingredienti (per 4 persone)

zucca (200g)
patata (1)
cipolla (1)
– zenzero (grattuggiato, 1 cucchiaio)
– mandorle (30)
– succo di arancia (150g)
– acqua (200g)
– olio e sale (q.b.)

Premessa (o antefatto)

“Il corriere era arrivato come al solito di notte, con l’ultimo volo della domenica. All’aeroporto le guardie non avrebbero potuto sospettare che, nascosta nella valigia, si trovava la fornitura di zucca consegnata la mattina stessa dai produttori (mamma-e-papà). Zucca napoletana purissima, dal colore arancione vivo, già lavata, sbucciata e divisa in cubetti. Il corriere, che per finzione chiameremo Francesco, recuperò il bagaglio sul nastro e, superato indenne lo sguardo dell’ultimo uomo in divisa, si dileguò nel buio fuori dall’aeroporto”.

Perché questa introduzione noir? Perché una zucca che (sul serio) ha superato un viaggio simile merita un trattamento speciale. È così che in cucina, in sostituzione al solito mix con patata e cipolla, stavolta la vellutata si è aperta anche ad ingredienti più particolari (zenzero incluso).

 

Preparazione

vellutata-zucca-zenzero-mandorle-verdure-di-stagione-ingredienti_rid–  sbuccia la zucca e taglia poi la polpa in cubetti di piccole dimensioni. Prepara anche la cipolla (tritata) e la patata (a cubetti),

– nel frattempo puoi sbucciare le mandorle. Metti dell’acqua a bollire in un pentolino e versa anche le mandorle. Dopo 10 minuti scola il tutto e sbuccia le mandorle (sarà facile e rapido) fintanto che sono calde,

– metti sul fuoco anche una pentola più grande e versa tre cucchiai di olio. Versa la zucca, la patata e la cipolla e lascia rosolare per 2 minuti. Regola a metà la fiamma, unisci il succo d’arancia e l’acqua e infine copri con un coperchio. Mescola di tanto in tanto e, dopo 20 minuti, rimuovi il coperchio così da far asciugare la zucca (io preferisco solo per pochi minuti così che la crema non si addensi troppo e sia possibile affondarvi dei crostini!)

– quando la zucca è pronta, trasferisci il tutto in un contenitore alto, aggiungi lo zenzero grattugiato e rendi tutto omogeneo con il frullatore a immersione (a me ad esempio piace non frullare troppo, così da avere anche dei pezzetti di zucca qui e lì). La crema è pronta, servila ancora calda in tavola e aggiungi le mandorle in superficie.

 

Un tocco personale

– una ricetta di vellutata senza latte (o yogurt o panna acida) rende certamente meno cremoso il risultato finale. La patata è comunque un buon sostituto e ricorda che latte e arancia non vanno molto d’accordo,

– hai deciso di non far bollire le mandorle per non perderne i nutrienti – come la vitamina E – nella cottura? Se hai a disposizione un po’ di tempo più, lascia le mandorle in ammollo in acqua fredda per due ore e riuscirai comunque a sbucciarle facilmente!

–  se cerchi un buon contorno, scegli dei pomodori secchi sottolio e accompagnali con dei tarallini pugliesi!

 

3 canzoni (per quando sei ai fornelli)