Lettera a Babbo Natale (5 buoni propositi a tavola)

babbo-natale-lettera

19 dic Lettera a Babbo Natale (5 buoni propositi a tavola)

Caro Babbo Natale ,

spero che questa lettera ti giunga in tempo anche se mi trovo a a prepararla  un po’ in ritardo. Ti scrivo perché – come forse mamma e papà ti avranno comunicato – nutro una particolare passione per i regali che amorevolmente riponi sotto l’albero (grandiosi i guanti da pugile del 2011!) e, insomma, non vorrei rinunciarvi neanche quest’anno.

Si, lo so che lo scorso anno non sono stato bravo. Ho torturato molte zucche ad Halloween e ho perfino ammazzato il basilico sul balcone. E poi c’è quella storia del naso rotto al fruttivendolo per gli asparagi che lui diceva essere di stagione (ad agosto)!

Se però è vero che a Natale si è tutti più buoni, allora spero che questa mia lista di buoni propositi per il prossimo anno conquisti la tua fiducia e mi conceda una seconda opportunità.

***

babbo-natale-lettera-2È un po’ che ci rifletto e mi rendo conto che potrei fare meglio. Potrei mangiare meglio. So che le mie scelte quotidiane hanno un impatto su chi mi sta intorno: amici, conoscenti e fruttivendolo sotto casa (sempre lui), tutti collegati.

Sento che (almeno) a Natale potrei ambire a migliorare il mondo un passo alla volta. Un pasto alla volta. Perché tutto parte dalla mia cucina, dal mio carrello e dal mio orto.

Eccomi allora con la penna in mano a condividere i miei cinque buoni propositi per il nuovo anno:
(1) Imparerò finalmente a occhi chiusi la differenza tra rosmarino, origano, basilico e salvia (si, faccio ancora un po’ di confusione), creando un piccolo orto sul balcone a partire dalle erbe aromatiche,
(2) Al supermercato non andrò solo dove mi porta il cuore ma anche dove mi porta l’etichetta, scegliendo prodotti biologici e con packaging riciclabili,
(3) Smetterò di allevare muffe su frutta e verdura acquistata e poi abbandonata nel frigo (farò la spesa quotidianamente così da acquistare ogni giorno solo qb),
(4) Gli avanzi del giorno prima saranno pietra angolare del mio nuovo piatto (farò attenzione ogni giorno, così da non gettare via nulla!),
(5) E infine comprerò solo verdure saporite, che non fanno male all’ambiente né al mio portafogli. In una frase? Comprerò verdure di stagione!

Come vedi ho deciso di cambiare strada e mi auguro che tu possa avere di nuovo fiducia in me. Perché sono convinto che (anche) la mia verza salverà il mondo.

Saluti affettuosi,
Francesco

Ps: per la notte del 24 lascerò come al solito un’arancia, un bicchiere di latte e dei biscotti sul camino per te. Voglio anticiparti che l’arancia è bio bio (due volte), me lo ha garantito mia mamma. Anche il latte viene da allevamenti certificati. E i biscotti li ho preparati con kamut e cannella. Contento, no?

 

In questa pagina foto di greglobinski (Flickr) e di Markus Reinhardt (Flickr)

Commenti

  1. Condivido al 100% i nuovi propositi per il nuovo anno!! Un saluto e buone feste, Sissi.

    1. Grazie mille Sissi! Siamo già a gennaio e continuiamo a “coltivare” i nostri buoni propositi, forza!

  2. Ema Cappuccini scrive:

    è troppo tenera questa letterina!! provo ad impegnarmi anche io, ma alcuni propositi sono una vera sfida alla quotidianità!